Rimbomba

l’odore del vento

quando corre tra i lecci

e bisbiglia frusciante

tra il pepe e l’ulivo

ed io origlio la salsedine lontana

che accompagna la brezza,

nascostamente intendo

il crepitare ghiaioso dei miei passi

così m’inoltro nella macchia

e prepotente suona l’umida fanghiglia,

che zittisce il fischio del tordo

mentre dalla casa il camino ci sussurra

della brace che rosseggia

aspra e fumantina,

incline all’ira,

gli ultimi sussulti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...